Dentro o fuori…

dex1.jpgLa diocesi di Agrigento organizza, dal 13 al 17 aprile, la “Settimana dell’integrazione – Dentro o fuori?”, per sensibilizzare la società civile e religiosa ai temi della tolleranza e del rispetto degli immigrati, soprattutto di quelli attualmente residenti nella nostra provincia. In un periodo in cui si addita allo straniero come una minaccia o qualcuno dal quale difendersi, è necessaria una riflessione sulla presenza di queste figure all’interno della nostra società, per dare loro un ruolo e un’identità nella vita civile.

Questo progetto, realizzato con la collaborazione tra Caritas diocesana, ufficio Migrantes, ufficio missionario, Usmi, ufficio scolastico, prevede il coinvolgimento dei cittadini insieme agli immigrati. Si comincerà con la fiaccolata che martedì 13 alle 19.30 dalla Prefettura si snoderà fino a piazza Cavour dove si terrà uno spettacolo multietnico, mercoledì alle 20.30 ci sarà un momento di preghiera collettiva presso la mensa della solidarietà e venerdì 16 aprile nel pomeriggio si giocherà il torneo di calcetto “Un calcio all’intolleranza” con squadre miste composte da ragazzi italiani e stranieri.

“La società – dichiara Valerio Landri, direttore della Caritas diocesana – va cambiando anche per la presenza di immigrati nel territorio e la Caritas si inserisce proprio per promuove la riflessione su questi temi, per comprendere che l’integrazione non è un percorso unidirezionale, comporta accoglienza, ma soprattutto scambio reciproco.”

Queste iniziative coinvolgeranno numerosi soggetti, sia pubblici che privati, tra cui la Prefettura e il Comune di Agrigento, in particolare gli assessorati alla solidarietà sociale e pubblica istruzione, il dipartimento pastorale della curia di Agrigento, gli enti privati che si occupano di immigrazione e  che fanno parte del coordinamento provinciale per l’immigrazione, le comunità di immigrati presenti nel territorio, gli istituti scolastici tramite l’ufficio scolastico provinciale di Agrigento e la Figc.

“L’amministrazione comunale è ben lieta di partecipare a quest’iniziativa – commenta Giacomo Daina, assessore comunale alla solidarietà sociale – per sensibilizzare la comunità a queste tematiche, di grande interesse e attualità, non solo sul piano provinciale, ma anche europeo, se pensiamo a quanto è accaduto in Francia negli anni passati proprio in materia di integrazione”.

Alla conferenza per la presentazione del progetto hanno partecipato anche don Carmelo La Magra, dell’ufficio Migrantes di Agrigento e suor Maria Grazia Pellitteri, segretaria dell’Usmi di Agrigento, da sempre attiva nell’accoglienza con la comunità “Porta aperta”, che ha richiamato la figura del Cristo sofferente negli immigrati.

Momento culmine della settimana sabato 17 aprile al Palacongressi con il laboratorio “Giovanintegrati”, dove a partire dalle 9 avrà luogo un incontro con le scuole e con i giovani per approfondire il loro ruolo nel cammino verso l’integrazione, con testimonianze dirette di immigrati che racconteranno la loro storia di esodo e di integrazione e la proiezione del film documentario “Come un uomo sulla terra”. In quest’occasione saranno presenti monsignor Giancarlo Perego, direttore dell’ufficio migrantes Cei, Maria Paola Nanni per la Caritas italiana, e le autorità istituzionali e poltiche del Comune e della Provinica. Prevista anche la premiazione dei partecipanti al concorso scolastico “Un Natale alternativo” – Avvento di Carità 2009″. Nel pomeriggio si terrà una sessione pomeridiana del convegno dal titolo “Immigrati integrati” con la riflessione conclusiva dell’arcivescovo di Agrigento Francesco Montenegro

Dentro o fuori…ultima modifica: 2010-04-14T15:10:47+02:00da sanfrancesco25
Reposta per primo quest’articolo